Sposa 2016: 4 stili a confronto

Sarai una sposa 2016? Non rinunciare al look che hai sempre sognato! Ecco alcune pillole della nostra wedding planner!

 

Sposa Principessa / Romantica

L’abito da sposa è il pallino di ogni donna prossima al matrimonio: per eccellenza, è il dettaglio che verrà ricordato per tutta la vita con tenerezza e nostalgia, soprattutto dalle ragazze che sin da bambine hanno sognato di sposarsi in un meraviglioso castello con un abito da vera principessa e il proprio sposo nei panni del principe delle fiabe…!
Per le spose inguaribili principesse l‘abito nuziale deve essere quello romantico: un tripudio di tulle e sottogonne, volumi su volumi, bianco o colori caldi, fiocchi, nastri e punti luce.
Il classico abito da principessa è composto da un corpetto semplice, senza spalline, con scollo a cuore o dritto, aderente al corpo o addirittura steccato.
Dalla vita si stacca una gonna voluminosa, riccamente decorata e con molti strati di sottogonne a volumizzare ancora di più l’abito. Può avere una coda lunga oppure concludersi a campana, dipende dal modello.
L’abito da sposa romantico è fatto con stoffe preziose ma leggere per dare struttura al corpino che non ha mai grandi decorazioni; mentre la gonna è nella maggior parte dei casi in tulle e organza. Per quanto riguarda gli accessori, per non pesare sulla complessità dell’abito, via libera a gioielli semplici e punti luce per illuminare il viso senza risultare invadenti.
L’importanza di questi abiti richiama il velo, soprattutto per modelli “a campana” senza coda, un velo cattedrale molto lungo per aggiungere regalità all’abito.

 

Sposa Contemporanea / Eclettica

La sposa che vuol’essere contemporanea ha spesso una personalità eclettica: ama ricercare stili diversi per un risultato unico ed esclusivo.
La sposa eclettica è colei che piuttosto di indossare il tradizionalissimo abito da sposa, preferisce ispirarsi a personaggi emblematici e decisamente particolari, con accostamenti di accessori colorati e anticonvezionali.
La sposa contemporanea desidera ambientare le sue nozze in un luogo fuori dal comune – come può essere un teatro, in un museo o in una casa antica ed evocativa di atmosfere passate, di cui rispetta la struttura seppur intervenendovi con originalissimi tocchi moderni.
La sposa eclettica è colei che, nelle decorazioni di nozze, opta per colori accesi e contrasti cromatici interessanti: rosso e rosa, nero e verde, viola ed azzurro sono i binomi più esclusivi per inviti di nozze, mille piccoli originali dettagli, bomboniere, lista nozze e così via.
La sua stessa torta nuziale potrebbe essere un’opera d’arte contemporanea.
Così come non si accontenterà di un pianista che incita all’ennesima Macarena, o dello zio alticcio che si sgola sulle note del karaoke, fedele alla sua devozione all’arte per intrattenere i suoi ospiti chiamerà una compagnia di attori esperti nel wedding theatre, che improvvisano scene coinvolgenti ed estemporanee, rendendo il suo matrimonio, oltre che un evento, anche una art performance.

 

Sposa Vintage / Chabby chic

Malandato, trasandato, logoro… Questa è la traduzione letterale della parola inglese shabby.
Di trasandato, però, il matrimonio shabby chic non ha davvero niente, anzi, tutto è ricercato nei minimi dettagli e nulla è lasciato al caso.
Lo shabby chic nasce come stile di arredamento incentrato sul recupero di vecchi oggetti a cui, dopo un sapiente restauro, rimane quel delizioso e inconfondibile aspetto di vissuto.
Perfetto è quindi l’accostamento dello stile shabby con il vintage per un gusto retrò particolarmente chic!
In questo contesto sono perfetti i colori pastello e i pizzi.
Per rendere il look della sposa a tema, il classico velo potrebbe esser sostituito da una veletta anni ’50.
Le location ideali sono sicuramente open air, in campagna, tra i vigneti.
Azzeccata potrebbe essere la scelta di agriturismi curati o ville in stile provenzale alle quali gli sposi giungeranno a bordo di un auto d’epoca!
Sempre sulla scia del tema vintage suggerisco di creare degli angoli tematici.
Per esempio la zona Polaroid, dove gli invitati e gli stessi sposi possono scattarsi delle istantanee e appenderle a fili di spago che una volta riempiti di foto creano un grazioso angolo di divertenti ricordi oppure l’angolo delle dediche, dove tutti gli invitati, grazie ad una vecchia macchina da scrivere, possono lasciare i loro auguri agli sposi…

 

Sposa Over 40

Quale abito da sposa indossare se si hanno 40 anni?
Sono sempre di più le donne che dopo anni di studi e affermazione professionale, alla vigilia degli anta, decidono di andare all’altare.
Ma in questo caso come bisogna vestirsi?
Se si tratta di seconde nozze è meglio evitare il bianco, che dovrebbe essere indossato solo la prima volta. Optate comunque per tonalità chiare come il grigio perla o un caldo avorio.
Se la cerimonia sarà celebrata in Comune, si può optare per un abito più sobrio rispetto a quello che verrebbe indossato in Chiesa.
In questo caso l’abito corto è un’ottima alternativa ed è consigliato anche alle donne più mature, nonostante non si debba necessariamente scegliere un classico tailleur.
Assolutamente da evitare sono i volumi e il tulle multistrato: optate piuttosto per un tubino, per un abito da cocktail o un pantalone palazzo.
Invece per le celebrazioni religiose, quando la sposa non vuole rinunciare alla tradizione, suggerisco di optare per un abito vaporoso e leggero, con scollo a V e taglio a sottoveste leggermente coprente sulle spalle.
Superfemminile, chic e anche un po’ sensuale potrebbe essere anche un abito con taglio a cuore senza spalline, eventualmente da variare nel colore.
Un accessorio di classe che mi piace molto ricordare sono i guanti lunghi, molto raffinati!
Per l’acconcitura capelli lo chignon è consigliato, magari trattenuto da un fermaglio gioiello.
Decisamente “No” al velo, che risulta fuori luogo e poco adatto all’età.
Importante invece il ruolo dei gioielli, che metteranno in risalto il viso: si ad orecchini e collier vistosi.
Per il bouquet sceglietelo a forma di borsa da tenere appoggiato al polso o a un fiore singolo avvolto nella seta.

E tu che sposa sei?
Questi ed altri suggerimenti ancora perchè tutto sia proprio come l’avevi sognato: chiamami per un appuntamento gratuito e senza impegno!

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Sposa 2016: 4 stili a confronto!
Vota!